La soluzione al problema Radon

FGMAMBIENTE

FGM Ambiente fornisce soluzioni ai problemi di misurazione della radioattivita\' naturale Gas Radon e della Qualita\' Aria Indoor

Learn More

Buona Pasqua 2017

buona-pasqua-2017

FGM Ambiente rimarrà chiusa da venerdì 14 a martedì 18 Aprile.

Buona Pasqua!

Recupero dei vani e dei locali seminterrati esistenti.

LR_7_del_10_marzo_2017_burl_Supplemento_11_13-03-2017

La Regione Lombardia promulga la Legge regionale 10/03/2017, n.7

Art. 1 – (Finalità e presupposti) – 1) La Regione promuove il recupero dei vani e locali seminterrati ad uso residenziale, terziario o commerciale, con gli obiettivi di incentivare la rigenerazione urbana, contenere il consumo di suolo e favorire l’installazione di impianti tecnologici di contenimento dei consumi energetici e … (scarica la versione completa della Legge Regionale n.7/2017).

Leggi l’intero documento: Legge regionale 10/03/2017, n.7

Leggi anche le altre linee guida della Regione Lombardia:

Ddg Lombardia 12678 del 21/12/2011

e anche

Documento Energia da Inenergia, Linee Guida Regolamento Edilizio 2014

PUGLIA – La regione assicura un più alto livello di protezione.

… “La Regione Puglia assicura il più alto livello di protezione e tutela della salute pubblica dai rischi derivanti dalla esposizione dei cittadini alle radiazioni da sorgenti naturali e all’attività dei radionuclidi di matrice ambientali, configurate da concentrazioni di gas radon negli edifici residenziali e non residenziali.”

Puglia Legge Regionale 3 novembre 2016, n.30

(Art.1 della LEGGE REGIONALE 3 novembre 2016, n. 30 – “Norme in materia di riduzione dalle esposizioni alla
radioattività naturale derivante dal gas ‘radon’ in ambiente confinato”).

Leggi il DOCUMENTO integrale

Quando hai problemi di Radon …

… la scelta gusta è FGM Ambiente.

 

fgmambiente-flyer-2015

 

Abbiamo preparato una piccola brochure di presentazione che potete vedere qui in anteprima.

Codice europeo contro i tumori.
Dodici modi per ridurre il rischio!

Codice europeo contro i tumori, dodici modi per ridurre il rischio.

Verifica di non essere esposto a livelli elevati di radiazioni naturali di RADON in casa tua: prendi iniziative per ridurli; chiedici come fare. CHIAMACI ADESSO!

È stata varata una nuova versione on-line del Codice europeo contro il cancro (European code against cancer) che identifica 12 azioni che le persone dovrebbero intraprendere per ridurre il proprio rischio di cancro.

Il Codice è stato realizzato dalla Iarc (International agency for research on cancer), l’agenzia specializzata sul cancro dell’OMS, con la partecipazione della Commissione europea, in uno stile colloquiale e diretto alle persone comuni.

Si tratta della quarta versione dell’opera, caratterizzata da molte novità: per la prima volta si considerano i livelli naturali di radon nelle case (associati al tumore polmonare) e si esorta a evitare i lettini solari (contro i tumori cutanei).

È poi introdotta la raccomandazione alla vaccinazione contro l’HPV nelle ragazze. Lo sforzo complessivo è stato quello di dare indicazioni con un approccio positivo e in modo molto semplice, ha spiegato Joachim Schüz, direttore della sezione Ambiente e Radiazione all’IACR di Lione (Francia).

Ecco la lista:
1) Non fumare e né fare uso di qualsiasi forma di TABACCO.

Read More

Nuova Direttiva Europea
di Radioprotezione


Il 17 Gennaio 2014 è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea la nuova Direttiva Europea di Radioprotezione (Basic Safety Standards), che era stata approvata il 5 Dicembre 2013 dal Consiglio dell’Unione Europea.

E’ possibile scaricare il testo della nuova Direttiva, in Italiano e in Inglese, dal Sito della Legislazione dell’Unione Europea (testo italiano, testo inglese).

La nuova Direttiva Europea, che sostituisce interamente la Direttiva 96/29 (Nota 1), e che integra anche le Direttive 89/618 (Nota 2), 97/43 (Nota 3) 2003/122 (Nota 4), è il prodotto di un percorso di revisione, durato diversi anni, che rivoluzionerà le normative nazionali in Radioprotezione di tutti i 28 Paesi Membri dell’Unione Europea.

Sono stati fissati per la prima volta limiti di concentrazione di attività per la commercializzazione di materiali da costruzione e sono sollecitati piani di azioni nazionali per le concentrazioni del gas radon nelle abitazioni.”

Radon e tumore al polmone.

 

Tumore al polmone. Il Radon è la seconda causa: l’’ISS attiva un sito web dedicato.

Nasce “Il radon e il Piano Nazionale Radon”, un sito web dove trovare informazioni sugli effetti del radon e sulle campagne per ridurne i rischi. La piattaforma si struttura in 10 sezioni, un sommario e una sezione di collegamenti. Il tutto all’interno del Piano Nazionale Radon.

Leggete il bellissimo articolo di Viola Rita.

 

Radioattività e acque potabili
Direttiva 2013/51.

E’ stata pubblicata, il giorno 7 Novembre 2013, la Direttiva 2013/51 del 22 Ottobre 2013, che “che stabilisce requisiti per la tutela della salute della popolazione relativamente alle sostanze radioattive presenti nelle acque destinate al consumo umano“.

Scarica la nuova Direttiva in formato .doc, .pdf e .htm e nelle 24 (meno una) lingue ufficiali dell’Unione, dal Sito del Giornale Ufficiale dell’Unione Europea.

La direttiva in lingua inglese e italiana.

Radioattività e acque potabili - Direttiva Europea 2013/51

Radioattività e acque potabili – Direttiva Europea 2013/51.

 

Le disposizioni della Direttiva sostituiscono quelle della Direttiva 98/83/CE per quanto riguarda i requisiti per la protezione sanitaria della popolazione relativamente alle sostanze radioattive presenti nelle acque destinate al consumo umano.

La Direttiva riguarda le acque destinate al consumo che non siano …

Read More

Radon, la guida ISPESL per il cittadino.

ispesl-guida-al-radon-in-italia
Il radon

è un gas radioattivo immesso nell’’aria ambiente e proveniente dal decadimento dell’’uranio presente nelle rocce, nel suolo e nei materiali da costruzione.
Tende ad accumularsi negli ambienti confinati (ambienti indoor), dove in alcuni casi può raggiungere concentrazioni tali da rappresentare un rischio significativo per la salute della popolazione esposta.
È considerato la seconda causa di cancro al polmone dopo il fumo di tabacco e ad esso sono attribuiti dal 5 al 20% di tutti i casi (da 1.500 a 5.500 stimati per la sola Italia all’anno).
Gli edifici maggiormente a rischio sono quelli costruiti su ….
(**)
Il resto lo potete leggere scaricando l’ebook “Il Radon in Italia: guida per il cittadino” messo a disposizione dall’ISPESL

(**) Estratto dalla intestazione della Guida al Radon pubblicata da ISPESL. 

Radon negli ambienti residenziali.

Interventi su costruzioni esistenti.

 

Si utilizzano tecniche di intervento semplici per non arrecare eccessivi danni all’abitazione.

 

Interventi su edifici nuovi o in fase di costruzione.

 

E’ possibile mettere in atto tecniche adeguate per limitare o evitare completamente la fuoriuscita del Radon dal terreno.

 

I nuovi regolamenti edilizi si devono adeguare alle raccomandazioni europee Raccomandazione 143/90.

 

Le tecniche d’intervento che permettono la fuoriuscita del gas radon dalle abitazioni si suddividono essenzialmente in tecniche attive e tecniche passive.

 

Queste ultime, dove possibile, sono da preferirsi perché più semplici e meno onerose.

 

In ogni caso ogni intervento di mitigazione deve essere dimensionato sulla base delle reali concentrazioni rilevate nell’abitazione ed è quindi necessario eseguire, prima di ogni altra cosa, un rilievo di Radon.

 

I rilievi devono avere tempi di integrazione medio lunghi poiche’ il valore di riferimento e’ sempre un valore di media annua.

 

Per questa ragione sono da evitare i metodi brevi a 24 o 48 ore che vanno lasciati a Professionisti che adottano protocolli codificati.